Feeds:
Articoli
Commenti

…un nuovo inizio..

Dopo 4 anni e qualche cambiamento ho deciso di riprovarci.. da capo con un nuovo pics&food’s blog .
Questo blog resterà attivo per quanto riguarda le ricette ma i commenti verranno chiusi, anche perchè dopo 4 anni non avrebbe senso tenerli aperti.

filetto-mirtilli

E’ difficile scrivere questa ricetta perchè sono andata molto a caso e ho sicuramente fatto qualche errore di abbinamento ma alla fine ho risolto e ne è uscito un buon piatto anche se ancora da sistemare.

INGREDIENTI:
– 1 bicchiere di valpolicella
– 1 cucch.no di cacao amaro
– 1 carota piccola tritata
– mirtilli
– sale q.b.
– 2 noci di burro
– filetto di maiale x 2
– 1 cucch.no di miele ai fiori di bosco

PREPARAZIONE:
Pulite e tritate con l’aiuto del mixer una carota di piccole dimensioni, mettete da parte; in una pentola fate scaldare una noce di burro, aggiungete la carota e il filetto e alzate leggermente la fiamma. Fate colorire il pezzo di carne in ogni sua parte poi pulitelo piu che potete dalle carote e mettetelo in un piatto coperto. aggiungete ora l’altra noce di burro, fate sciogliere e poi aggiungete il vino rosso, fate andare per cinque minuti quindi aggiuntete il cacao amaro e stemperate bene, fate cuocere fino al restringimento della salsa, aggiungete una manciata di mirtilli lavati e continuate la cottura, se necessario aggiungete un po’ d’acqua (o di vino se preferite).
Fate restringere ulteriormente e aggiungete la carne che avete precedentemente scottato; coprite e abbassate la fiamma. A metà cottura, circa dieci minuti, aggiungete un cucchiaino di miele, se necessario durante la cottura aggiungete un po’ d’acqua tiepida e girate spesso la carne per farle assorbire i sapori della salsa. Continuate la cottura per altri dieci minuti, la carne deve rimanere morbida. Togliete la carne dalla pentola e tagliatela a fettine spesse 1cm intanto nella pentola aggiungete un’altra manciata di mirtilli e fate rapprendere la salsa. Servite con delle patate al burro irrorando la carne con la salsina ai mirtilli.

melecotogne
E’ quasi un mese che manco..
Eggià.. causa principale della mia latitanza è un fastidiosissimo quanto dolorosissimo mal di testa provocato da un’altrettanto fastidiosissimo dente del giudizio che ha pensato bene di crescere proprio nel bel mezzo di un nervo (le sue radici lo abbracciano come fosse un qualcosa da non farsi scappar via..) e io con i miei mal di testa sopporto a malapena le 8 ore di lavoro in ufficio e mettermi a casa a scrivere sul blog proprio non me ne va… ne tanto meno di stare a fotografare ciò che cucino ma il giorno del giudizio universale (per il mio dente) si avvicina e così anche la voglia di riprendere in mano questa mia creatura.
In questo mese ne sono successe nella mia cucina..
La mia cara sorellina mi ha portato i semi di Cardamomo (che qua non trovavo), ho comprato un ottimo thè nero indiano molto speziato, ideale per i giorni di pioggia, con cui ci ho fatto una torta (che rifarò e vi proporrò presto), un’ottimo infuso ai frutti chiamato “cestino di frutta” che in una settimana si è dimezzato, ho fatto un semplice olio al peperoncino da metter dove ancora non so e poi, come vedete dalle foto, volevo fare la cotognata.. ma queste meravigliose mele, che secondo mia mamma erano pere, cotogne avevano al loro interno tante sorpresine e così mi è rimasta la voglia non soddisfatta di quella fantastica prelibatezza che è la cotognata..
Ma quello che mi premeva in questo lungo periodo in cui sono stata assente era pubblicare un bellissimo premio che mi ha donato Bocetta.. (scusami tanto se non l’ho fatto prima).
“Amicizia, legame indissolubile” assegnato ai blog a cui si vuol donare la propria amicizia e simpatia, un bellissimo premio che ritiro e rigiro a Lei e anche a tutti quelli che come me condividono questa passione per la cucina e passano di qui a leggermi.
Altre cose poi son successe mentre latitavo..
Sono stata recensita come molte di voi su “Prenota Ristorante”
Federico di Congusto mi ha inserita nella sua lista di blog che per temi affrontati, immagini e approfondimenti ha ritenuto i migliori. A dire la verità mi sento abbastanza a disagio e un po’ troppo sopravvalutata leggendo gli altri blogger nominati ma mi da una motivazione in più per riprendere in mano il blog e continuare facendo del mio meglio.
Fresca fresca è invece la mail di Deborah di Giallozafferano che propone una nuova sfida culinaria “Sapore di Sfida – Dolce Natale” ecco di cosa si tratta:
“Rivisita o riscopri la ricetta di un dolce Natalizio o inventane una tutta tua personalizzandola secondo i tuoi gusti e la tua fantasia e prova a lasciare a bocca aperta la nostra giuria Vip.”
Interessante, intanto ringrazio Deborah e poi chi lo sa, magari riesco a partecipare =)

Ecco per oggi ho scritto tutto, il capo non mi ha sorpresa in flagrante e ora cerco di tornare al lavoro.
Buona giornata a tutti

la terra del riso..

Devo farmi perdonare molte cose.. manco da tantissimo, da un po’ meno tempo non passo a trovare i miei foodblog preferiti… ovvero tutti i vostri. E’ un periodo un po’ difficile e a essere sincera non avevo voglia di mettermi a scrivere ma forse ora sono tornata e prima o poi recupererò il premio datomi da Bocetta e anche le altre ricettine che aspettano..
Oggi però volevo farmi perdonare della mia mancanza e vi presento un piattino che ho ideato ieri sera, a dire il vero non c’è niente di nuovo, niente di particolare se non la scelta di un’ingrediente invece che un’altro che ha caratterizzato il piatto.

Non avevo il vino bianco ma solo rosso e non volevo usarlo per la zucca così guardandomi intorno ho addocchiato la bottiglia di Armagnac del 1984 e ho tentato..  per dargli quel qualcosa in più ho aggiunto due sottilissime fettine di brie alla fine.. Che dire.. provatelo, io lo rifarò presto.

Risotto di zucca all’Armagnac

INGREDIENTI (io l’ho fatto per una persona e sono andata a caso con le dosi):
– riso vialone nano ( 3 pugnetti a testa)
– zucca ( era piccola 1/4 a testa)
– armagnac ( 1/2 tazzina del caffè)
– brodo
– salvia ( 5 foglioline)
– brie

PREPARAZIONE:
Preparate un buon brodo vegetale con un po’ di cipolla e una carota, quanto è pronto abbassate la fiamma e lasciatelo sobbollire intanto tagliate la zucca.
Pulitela dalla scroza dura e tagliatela a tocchetti piccoli, si cuoceranno prima.
Prendete una pentola, versatevi un filo d’olio e unitevi la zucca appena pulita e 3 foglioline di salvia, fate assorbire l’olio e poi aggiungete due cucchiai di brodo, continuate la cottura per una decina di minuti.
Unitevi il riso e fatelo tostare per qualche minuto poi aggiungete un goccino di Armagnac.
Fate sfumare per benino, il riso deve quasi attaccarsi alla pentola, girate per evitare che si bruci e, una volta assorbito il liquido, iniziate a versarvi il brodo caldo, poco per volta, mescolate e fate assorbire tutto il liquido prima di aggiungerne altro. Portate a cottura, ci vorranno circa 16/18 minuti.
Spegnete il fuoco, coprite la pentola e lasciate riposare per tre minuti. Tagliate sottilmente due fettine di brie per piatto.
Impiattate, decorate con delle foglioline fresche di salvia e disponete sopra il brie. Portate in tavola.

la passione per la pesca


Trote alla brace
INGREDIENTI:

– trote del peso di 350gr./400gr.
– Aglio
– Limone
– Olio
– Timo
– Sale
– Rosmarino
PREPARAZIONE:
Non c’è niente di più semplice che preparare il pesce alla griglia.
Pulite il pesce dalle interiora e squamatelo, lavatelo bene sotto l’acqua corrente per togliere il viscido e asciugatelo con un panno.
Salate leggermente la pancia del pesce. Preparate un intingolo con aglio tagliato finemente, olio, succo di limone e qualche foglia di timo e un po’ di rosmarino tritato. Mettetene una cucchiaiata nella pancia del pesce, inserite poi due rametti di timo e una fetta o due di limone, Se non avete una griglia a libro chiudete la pancia del pesce con due stuzzicadenti per evitare che, girandolo, escano gli aromi.
Mettete i pesci sulla griglia o sulla piastra calda e fate cuocere il pesce fino a quando la pelle sarà bella bruciacchiata. Durante la cottura potete spennellare con del rosmarino un po’ di intingolo sui pesci
Servite con dei pomodorini datterino tagliati a quadretti e condite con olio e timo.

tempo di feste e sagre..


Ultimamente latito un po’ da questo blog, non è che non abbia tempo anzi, al lavoro in questi giorni potrei portarmi da fare la maglia però sono un po’ stanca mentalmente e molto svogliata, pigra.Ho tante ricette pronte, molte sono da rifare perchè le foto sono uscite una vera e propria schifezza e pubblicare qualcosa senza foto non mi va, oggi però non voglio postarvi alcuna ricetta ma vorrei promuovere un po’ la provincia di Verona che in questo periodo sfoggia una serie infinita di feste e sagre dell’uva e del vino ma non solo che noi da buongustai cerchiamo di non perderci.
Oggi da buona [NON]veronese vi racconto un po’ di questo e di quello e vi illustro ciò che c’è di bello e di buono da queste parti in questo periodo, si sa mai che passate di quà…

Dal 12sett. al 5 ott.:
Fiera di Isola della Scala, In occasione della “festa di fine raccolto”del riso.
Convegni, esposizioni di prodotti e macchinari, stand di degustazione del riso e di ottimi vini veronesi.
Da provare il Risotto all’Isolana, tipico piatto locale.

Dal 19 al 21 settembre:
Festa dell’uva di Soave
Manifestazioni varie e stand gastronomici (che non mancano mai) fino alla conclusione domenica sera con fuochi d’artificio con incendio del castello.
(Non sono mai stata a questa festa ma penso di rimediare domenica, da quel che ho letto si tratta della più antica festa dell’uva in Italia, nata nel 1929).

Dal 20 al 21 settembre:
Festa del Torbolin
in località Santa Lucia ai Monti di Valeggio sul Mincio.
Rievicazione in costume della pigiatura dell’uva, chioschi enogastronomici e musica, domenica mattina colazione tradizionale a base di polenta brustolà, renga, cotechino e Torbolin.
(con sto freddo quasi ci sta)

Dal 26 al 28 settembre:
Festa dell’Uva e del Vino a Castelnuovo del Garda (44° edizione).
Degustazioni di vini, convegno sul settore vitivinicolo e sull’uva nell’estetica, giochi di strada, rappresentazioni della civiltà contadina, premiazioni del concorso produttori uve e vino, musica e ballo.

Tocatì, Festival Internazionale dei giochi di strada, in centro a Verona.
Quest’anno paese ospite la Scozia. Durante la manifestazione sono in funzione stands enogastronomici.

Dal 3 al 5 Ottobre:
Festa di Sant’Eurosia“, sagra e mostra dell’uva e del vino a Fumane.
Stand enogastronomi, con risotto all’amarone e degustazioni guidate di vino Valpolicella D.o.c. classico, recioto e amarone.
(Anche questa non ce la perderemo visto l’ottimo vino ma sopratutto lo splendido paesaggio, ricco di grotte e ritrovamenti archeologici).

Festa dell’uva e del vino, Bardolino.
La festa si svolge sul lungo lago, sicuramente Bri può parlarne meglio!
(noi ci siam stati per due anni di fila, è sciuramente da vedere, magari evitate il sabato perchè non si riesce a camminare.)

Queste sono solo alcune delle feste/sagre del periodo quindi per il resto vi rimando a questo sito da dove ho preso tutto le informazioni.
Le foto sopra si riferiscono a Soave due settimane fa, con mio grande stupore ci ho trovato un’enorme pianta di capperi!

con l’autunno alle porte..

Finalmente è arrivato, o almeno così sembra.
Mai come quest’anno ho voglia di autunno, dei suoi colori caldi e dei suoi sapori, pieni e avvolgenti. Ho voglia di funghi, ho voglia di andare a funghi, di passeggiare nel bosco, ho voglia di stare a casa e sentire il temporale fuori dalle finestre, il ticchettio dell’acqua sui vetri.
Sabato sono stata accontentata e anche oggi, una giornata alternata da sole e acqua, la temperatura si è abbassata notevolmente, quel freddo che finalmente di permette di tenere la tuta in casa e una felpina leggera, quel tempo che ti tiene in casa ma anche che ti fa venire il raffreddore .. e ovviamente io l’ho già preso!

PER LE CREPES (12 crepes c.ca):
– 400ml di latte
– 2 uova
– Farina q.b.
– Sale q.b.
– 30gr. burro
– burro (per ungere)
PREPARAZIONE:
Sgusciate le uova in una ciotola, lavoratele con una forchetta, aggiungete poi il latte poco per volta stemperando bene il composto, aggiungete ora il burro sciolto precedentemente in una piccola casseruola, amalgamate anche quello e poi aggiungete poco per volta la farina aiutandovi con un setaccio o un colino.
Non so dirvi quanta farina serve, aggiungetela piano piano fino ad ottenere un impasto cremoso ma abbastanza liquido. Salate leggermente con un pizzico o due di sale e lasciate riposare per mezz’ora.
A questo punto fate scaldare una pentola antiaderente e fateci sciogliere una piccola noce di burro;
muovete la pentola in modo tale che si unga uniformemente poi, con l’aiuto di un mestolo versate un po’ di composto e, con un semplice movimento del polso, fate roteare la pentola facendo aderire il composto su tutto il fondo della pentola. Fate cuocere per qualche minuto poi rigiratela e continuate la cottura dall’altra parte fino a far colorire le crepes leggermente.Una volta pronte mettetele una sopra l’altra in  un piatto e fatele raffreddare. Continuate così fino a finire il composto.

PER LA BESCIAMELLA AL PUZZONE:
– 250ml. di latte c.ca
– 250gr. di farina c.ca
– 25gr. di burro
– sale q.b.
– Puzzone di Moena (un piccolo pezzo)
PREPARAZIONE:
In una piccola casseruola fate sciogliere il burro, aggiungete la farina e amalgamate bene, fate cuocere per qualche minuto, poi togliete dal fuoco e aggiungete poco per volta il latte aiutandovi con una forchetta ad amalgamare il tutto. Una volta che avrete reso il composto liscio e senza grumi rimettete sul fuoco e mescolando continuamente portate a bollore, a questo punto aggiungete il formaggio, un pizzico di sale e continuate la cottura fino a farlo sciogliere completamente, se necessario aggiungete altro latte per rendere la crema un po’ più morbida, togliete dal fuoco e fate raffreddare.

CRESPELLE DELICATE AL SAPORE DI MONTAGNA
INGREDIENTI (per due persone):
– 6 crepes
– Besciamella al Puzzone di Moena
– 4/5 Funghi porcini piccoli
– 3 fili di erba cipollina
PREPARAZIONE:
Per prima cosa prepariamo i porcini da aggiungere alla besciamella.
Io ho usato quelli surgelati interi ma se li avete freschi è molto meglio.
Tagliate i funghi a tocchetti non troppo piccoli e metteteli in una pentola antiaderente in cui avrete fatto sciogliere una noce di burro, far cuocere per 5/10 minuti salando a fine cottura. Togliete dal fuoco e fate intiepidire prima di aggiungerli alla besciamella.
Accendete il forno a 150° e preparate le crespelle; prendete una crepe, versatevi un po’ di besciamella con i funghi e distribuitela su tutta la superficie poi chiudetela a metà e ancora a metà e disponetela in una teglia coperta con carta da forno. Continuate così con tutte facendo attenzione a tenere qualche cucchiaio di crema da parte che metterete sopra le crespelle chiuse. Infornate in forno caldo per 15/20 minuti, impiattate, aggiungete un po’ di erba cipollina tagliata al coltello e servite.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.