Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘..la frutta’ Category

Sabato ho voluto fare un dolce a cavallo tra il light e no ispirata da questo dolce di Lory e dalla parola “Syllabub” che da qualche mesetto leggo un po’ ovunque.
Non avevo mai sentito prima la parola e ignoravo cosa fosse fino a scoprire che non era che un semplice dolce composto, semplice si ma sicuramente molto gustoso.
Con qualche modifica, cercando di trasfomare questo dolce pannoso in qualcosa di più leggero ho provato a sostituire qualche strato di panna con dello yogurt bianco e devo dire che la prova riuscita è abbastanza bene.. Questa volta non sono stata tanto a guardare alla leggerezza, vedi panna e cioccolato bianco ma lo ritengo comunque il punto di partenza per elaborare qualche dolcetto fresco e più leggero per i prossimi giorni, c’è una dieta in programma e, con il caldo in arrivo.. (ieri è stata una splendida giornata !).
Sinceramente credo che il mio non sia un “syllabub” ma diciamo che l’idea di partenza era quella.. visivamente è molto piacevole e poi l’accoppiata fragole yogurt e fragole panna beh.. fatemelo dire .. è da brivido!
Semplice e buono come dice qualcuno.. e servito in un bicchiere diverso dal normale fa la sua scena!

INGREDIENTI (per due persone):
– 200gr. di fragole
– 5 cucc. di yogurt bianco
– 150gr. di panna fresca
– 2 cucc. di zucchero a velo
– 30gr. di cioccolato bianco
– 1 cucc. di latte

PREPARAZIONE:
Lavate accuratamente le fragole, tenetene da parte quattro della stessa dimensione e private del picciuolo il resto, poi tagliatele a metà e mettetele nel frullatore, aggiungete due cucchiai di zucchero a velo e riducete in salsa.
In un pentolino fate sciogliere il cioccolato bianco con il latte, una volta amalagamato il tutto unite allo yogurt e mescolate bene; io ho usato quello allo zucchero d’uva ma se trovate quello greco è mooolto meglio.
A parte montate la panna ben ferma.
Prendete due bicchieri trasparenti che siano carini, io ho usato quelli da cocktail e riempite a strati irregolari un po’ come volete voi, anche mischiando gli ingredienti; infine prendete le quattro fragole intere e incidetele per il lungo creandone dei ventagli.
Coprite con la pellicola alimentare e tenete in frigorifero per almeno due ore.

Annunci

Read Full Post »


Eccoci qua.. di ritorno dalle feste..
ieri non avevo il tempo di stare a scribacchiare su tutt’altro, non che ora ne abbia molto.. ma ci provo!
Come sono andate le vostre feste e il vostro weekend lungo?!? Il mio benissimo, sopratutto perchè sono riuscita a fare la sorpresa alla Lucy e vederla restare a bocca aperta mi ha scaldato il cuore!
Se devo essere sincera non ho mangiato molto, mi sono limitata parecchio anche se tutto era buonissimo!
Antipastini vari con sott’oli e sottaceti caserecci di vari amici di mia zia (ho una specie di “nduia” di verdure che è la fine del mondo), ravioli di magro della mia mamy, polpettone della zia , capretto della mamy, torta di verdure (ottima) della cugina, carciofi e insalata.
I dolci non li ho mangiati, colomba e cioccolato, sono stata brava no?!??!
in compenso il giorno di Pasquetta ho bevuto mooooolto; quì c’era il palio del Recioto che si ripeterà il 13 aprile e se volete fare una gitarella dopo aver votato io ve lo consiglio.
Io e il mio bel fichingo abbiamo passato uno splendido pomeriggio con amici a passeggiare con il bicchiere al collo (da queste parti si fa così) e in mano un panino con la porchetta, la prossima volta devo provare il risotto al recioto.
Oramai siamo in primavera ed è tempo di piatti su per giù leggeri e così invece dei soliti dolci cioccolatosi che mi distruggono letteralmente lo stomaco mi do alla frutta!
Certo non è il momento delle fragole ma qualche giorno fa quando sono andata a fare la spesa non ho resistito.. il profumo inebriante delle fragole mi ha stregata, ero talmente ipnotizzata che se non mi fermavo un’attimo compravo la cassetta .. si e poi come le facevamo fuori in due?!?!
Si ma perchè sarde ? vi chiederete voi
No no non sono fragole provenienti dalla Sardegna,credo siano fragole della zona coltivate in serra ..
e allora perchè sarde?!
Perchè in frigo avevo ancora un goccio di mirto.. così poco che ne avrebbe deliziato solo uno di noi due così ci ho condito le fragole, invece del solito zucchero e limone, invece del solito zucchero e vino rosso ci ho messo il liquore e devo dire che si sposa meravigliosamente..

INGREDIENTI:
– 1 cestino di fragole
– 2 cucchiai di zucchero semolato
– 1 bicchierino di mirto rosso

PREPARAZIONE:
Nulla di più semplice e veloce, lavate le fragole e privatele del picciuolo, tagliatele grossolanamente a cubetti e mettetele in una ciotola capiente. Versatevi sopra due cucchiai di zucchero semolato, irrorate con il mirto e mescolate.
Lasciate a macerare per un paio d’ore rigirando di tanto in tanto.

Read Full Post »


chi si ricorda la pubblicità della famosa caramella degli anni ’80/’90 ? La “polo” .. ma che fine ha fatto?!?!
Beh cmq io non avevo mai fatto una “torta bucata” ovvero una ciambella anche se avevo lo stampo da anni.. ma l’idea della ciambella non mi ha mai ispirato piu di tanto,non so perchè… poi, visto che stiamo eliminando i biscotti dalla nostra colazione a favore di pane e marmellata ho pensato di fare un dolcetto alla frutta e l’idea della ciambella mi piaceva!
L’idea è nata mentre tornavo a casa dal supermercato, stressata dal caos trovato.. finalmente avevo tra le mani, anzi nel sacchetto dela spesa, i frutti di bosco surgelati, cercati tutto inverno per fare una crostata con crema e frutti.. beh finalmente erano li, nei freezer.. l’idea di fare la crostata slurposa con la crema pasticcera era tanta ma.. volevo provare qualcosa di nuovo e cosi è nato questo dolce non troppo dolcificato, perfetto per la mattina ma anche dopo cena con una pallina di gelato alla panna!

Torta bucata ai frutti di bosco e mele

INGREDIENTI (tortiera 24cm di diametro):
– 1 uova di papera
– 2 uova di gallina
– 220gr. di farina 00
– 110gr. burro
– 100gr. zucchero
– latte q.b.
– 1 bustina lievito vanigliato
– 1 mela
– 320gr. di frutti di bosco misti

PREPARAZIONE:
Accendete il forno a 180°.
Facciamo sciogliere il burro in un pentolino a fuoco basso poi lo lasciamo raffreddare per due o tre minuti, nel frattempo separiamo gli albumi dai tuorli e lavoriamo questi ultimi con lo zucchero aiutandoci con una frusta elettrica. Raffreddato leggermente il burro lo uniamo ai rossi d’uovo e amalgamiamo bene poi, poco per volta setacciamo la farina e il lievito e uniamo al composto di uova e zucchero.
A parte montiamo a neve ferma gli albumi.
Uniamo un po’ di latte alla crema fatta in precedenza per ammorbidire un po’ l’impasto e poi uniamo , senza smontarli, gli albumi. Infine uniamo all’impasto i frutti di bosco misti.
Tagliamo a fettine sottili una mela e teniamo da parte.
Imburriamo e infariniamo lo stampo da ciambella e aggiungiamo l’impasto. In superficie poi aggiungiamo, affondandole leggermente, le mele tagliate e inforniamo fino a cottura, almeno una ventina di minuti, poi fate la prova stuzzicadenti.

Una volta raffreddata cospargete la torta con zucchero a velo.

Read Full Post »


In questi giorni mi sono data ai ricordi di famiglia, ricordi d’infanzia.. quei ricordi che non ci abbandonano mai, quei ricordi che più si cresce e più restano incisi nel cuore. Tra questi ricordi ci sono anche quelli che si tramandano: giochi, racconti, fotografie ma anche ricette.
Da piccola passavo tanto tempo dai nonni, un po’ di quà un po’ di la e da entrambi avevo i miei piatti preferiti.
Questo è uno dei “piatti” che mi preparava la mia nonna Michelina; non è un piatto complicato.. a dire il vero non c’è niente da fare ma per me è speciale e buonissimo.
La vera leccornia è il sughetto che si forma sul fondo del piatto…assolutamente da bere quindi se volete provarle mettetele a macerare in una ciotolina.
Non è una vera ricetta, è un ricordo, un niente di che che per me è molto.
Vi auguro buon rilassante weekend!

INGREDIENTI (a persona):
– 1 arancia
– zucchero

PREPARAZIONE:
Affettate l’arancia a fettine spesse 1/2 cm, disponetele in una ciotola e versateci sopra lo zucchero semolato.
Lasciate a macerare per un paio d’ore rigirando le fette ogni tanto.
Da mangiare con una forchetta!

Read Full Post »