Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘..solo dolci e dolcetti’ Category


Mia mamma non è una da dolci, non lo è mai stata anche se, quando eravamo piccole, qualche dolcetto lo faceva: tiramisù, crepes e dei buonissimi dolcetti ripieni e fritti che a solo pensarci mi viene la bavetta alla bocca..
Lei non è da dolci ma a certe cose dolci non sa resistere, gelato d’estate, rigorosamente creme e crema alla nocciola e marron glacee d’inverno.. niente marmellate, non l’ho mai vista mangiarne al contrario del papà che se ne faceva delle grosse scorpacciate e in questo io ho preso da lui..
Era lui che ogni tanto, impegni permettendo, faceva qualche marmellata e ogni volta gli riuscivano bene, quello delle marmellate era lui ma una volta la marmellata l’ha fatta mia mamma, era una cosa così extra-ordinaria che quando qualche giorno fa quando l’ho chiamata per chiederle di codesta bontà lei mi ha risposto che di marmellate non ne aveva mai fatte, che sicuramente l’aveva fatta il papà eppure io in cucina a invasare quella squisitezza mi ricordo lei eppure, anche se solo una volta nella vita, lei la marmellata di albicocche l’aveva fatta e era talmente buona che io , che allora ero piccola, ancora me la ricordo…
Ma niente, non c’è stato verso..lei la marmellata non l’ha fatta, peccato che anche mia sorella si ricordi (o me lo ha fatto credere) che c’era stata una marmellata d’albicocche..
Ma io mi ero intestardita e visto che avevo appena comprato le albicocche e che avevo una indescrivibile voglia di provare quella marmellata mi son messa all’opera..
A fare una semplice marmellata di per se non ci vuole nulla, quello che la rendeva particolarmente buona e interessante era la croccantezza dei semini o delle mandorle che si trovavano nel mezzo.
Da quando ho iniziato a ripensare a quella prelibatezza color del sole (al tramonto) il dubbio mi attanaglia; mandorle o semi di albicocche?!Semi di albicocche o mandorle?!
Poi ho preso un’albicocca, l’ho aperta, ho prelevato il nocciolo e con l’aiuto di uno schiaccianoci l’ho rotto..
Eccolo li il “cuore” del nocciolo, sembra una mandorla di per se, senza la pellicina, l’ho preso, l’ho messo in bocca e mi son detta: “è lui”.
Non so se il semino in se da un sapore diverso al frutto, non lo so ma avere sotto i denti quella croccantezza è come aver in mano un cesto di ciliegie e non saper smettere di mangiarle!
Il risultato.. beh leggete il titolo del post…

INGREDIENTI (3 vasetti e 1/2):
– 850/900gr. di albicocche senza nocciolo
– 400gr. di zucchero
– 1 bustina di frutta pec 2:1 (oppure aumentate lo zucchero)
– semi di albicocca

PREPARAZIONE:
Lavate accuratamente le albicocche, tagliatele a metà e prelevate i noccioli e lasciateli da parte, tagliate a tocchetti le albicocche e mettetele in una pentola d’alluminio, pesate lo zucchero, uniteci la pectina, mescolate bene e aggiungete alla frutta.
Rompete i noccioli con l’aiuto di uno schiaccianoci e prelevate la mandorla al suo interno (io non sono riuscita ad estrarle intere) Unitele alla frutta e mettete sul fuoco, portate a bollore girando di tanto in tanto, quando inizia a bollire alzate la fiamma e fate cuocere per cinque minuti. Spegnete e invasate subito, chiudete bene e capovolgete i vasetti, lasciateli raffreddare completamente a testa in giù.

STERILIZZAZIONE:
Lavate accuratamente i vasetti, metteteli in forno e accendete a 100° lasciateli li per almeno mezz’ora, passato il tempo spegnete il forno, aprite parzialmente la porta e lasciate raffreddare parzialmente e poi invasate.

Annunci

Read Full Post »


Eccomi tornata per la mia rubrica di “Giovedì…Sperimentiamo? “
Erano un sacco di settimane che ero ferma e me ne scuso; come sapete non è mai facile seguire il blog e avere altre mille cose da fare…

Oramai avrete forse capito che sono una patita di thè e tisane..
Giusto qualche giorno fa sono andata a fare scorta.. il thè in casa cominciava a scarseggiare.
Anche per il thè (o tisana che sia) io devo cambiare, da quando sono qua non ho mai comprato lo stesso thè, io devo provare e vista la varietà di infusi che hanno in negozio forse non farò mai il bis, è piu forte di me, io sono curiosa.. che ci posso fare!?!
Stregata dal thè verde alla rosa gialla dello scorso acquisto (quello del risotto al thè) sono entrata in negozio con l’idea di prendermi un thè aromatizzato e una tisana; mi son incuriosita da “bacio dell’angelo” un thè verde aromatizzato alla rosa, ananas e altri frutti poi la “sciura” del negozio, che oramai ha capito i miei gusti, mi ha fatto sentire un’altro thè.. sempre aromatizzato alla rosa, un insieme di thè nero e verde e subito son stata conquistata dalla “rosa d’inverno”
Alla fine sono uscita dal negozio senza tisane ma con due thè alla rosa.
Domenica avevo voglia di un dolce più precisamente di un cheese cake ma non sapendo scegliere una delle tante ricette che ho trovato in rete ho fatto di testa mia e ne è uscita una “yogurt cake”!

Vi starete chiedendo cosa ci faccia questa ricetta nelle sperimentazioni???
beh, il mio dolce ha un cuore di thè e devo dirvi che il sapore mi ha conquistata, delicato e buono, da rifare, la prossima volta in un dolce tutto dedicato a lui!

INGREDIENTI:
– 160gr. philadelpia
– 500gr. yogurt greco bianco
– 500ml panna fresca
– 1 conf. di grancereale o digestive
– 5 cucch.ini di zucchero a velo
– 3 cucch.ini di thè “rosa d’inverno” (o altri thè verdi aromatizzati)
– 6/7 cucchiai di sciroppo fragoloso
– 60gr. burro
– 14gr. di colla di pesce
– fragole fresche

PREPARAZIONE:
Frullate i biscotti e teneteli da parte, fate sciogliere il burro in una padella antiaderente e poi unitelo alla farina di biscotti aiutandovi con un cucchiaio per fargli assorbire il condimento; stendete poi il composto in una tortiera a cerniera, schiacciando bene con un cucchiaio; coprite e mettete in frigorifero per almeno due ore.
Dopo le due ore …
Scaldate in un pentolino cinque o sei cucchiai di panna togliendola dal fuoco prima che inizi il bollore,versateci il thè precedentemente polverizzato e lasciatela raffreddare in frigorifero fino all’utilizzo.
Mettete a bagno in acqua fredda la colla di pesce per farla ammorbidire intanto lavorate lo yogurt con il philadelpia fino a ottenere un composto cremoso, dividetelo in due parti ( 4/5 per la crema alla fragola e 1/5 per la crema al thè verde) e mettete da parte.
Montate la panna rimasta con 3 cucchiaini di zucchero a velo e tenetela da parte.
Aggiungete 4 o 5 cucchiaiate di sciroppo di fragola ai 4/5 di crema, fate scaldare su fiamma dolce il restante sciroppo e unitevi i fogli di colla di pesce precedentemente strizzati, lasciandone da parte tre, togliete dal fuoco e mescolate velocemente per far sciogliere la gelatina poi aggiungetela alla crema.
Amalgamate la panna (tenetene da parte 2/3 cucchiaiate) facendo attenzione a non smontarla.
Riprendete la tortiera, posizionate un coppapasta del diametro di 9cm al centro della torta e versateci attorno la crema di fragola; mettete in frigo.
Filtrate la panna al thè e dolcificatela con due cucchiaini di zucchero a velo.
In un pentolino fate scaldare un cucchiaio di panna liquida e scioglieteci la colla di pesce rimasta poi unitela alla crema di yogurt rimasta, aggiungete la panna liquida al thè verde e la panna montata tenuta da parte, amalgamate bene il tutto e versate al centro della torta.
Coprite il dolce con una pellicola da cucina e mettete in frigo fino a farla rapprendere completamente (almeno mezz’oretta ma meglio un’ora).
Riprendete il dolce, con l’aiuto di un coltello sottile distaccate il coppapasta e estraetelo delicatamente poi tagliate le fragole a metà e disponetele attorno al cuore di thè.
Se volete ricoprite la crema di fragola con la marmellata.
Servite fredda!

Read Full Post »

Tempo fa Lalla mi aveva invitato a partecipare a un Meme.. “il piatto della consolazione” e direi che è il momento giusto per postarlo.. già perchè in questi giorni di assenza dal mio blog ho tolto un dente, un maledetto dente del giudizio e sono ancora tutta dolorante e piena di antidolorifico.. insomma è il momento giusto per consolarsi o no?!?!
Quando sono giù di morale,non so che fare, non posso uscire e non ho voglia di stare al computer io mi consolo davanti ai fornelli.. e, se ci sono tutti gli ingredienti allora mi do alle crostate!!
Veloci e semplici da fare ma sempre buonissime e apprezzate da tutti.
Avevo anche un po’ di uovo di pasqua da finire e volevo provare sulla torta la buonissima marmellata di fragole che avevo fatto giorni prima (su variazione di quella di Erborina – posterò prima o poi la ricetta).

INGREDIENTI (3 crostatine):
– 120gr lindor latte
– 30gr. ciocc fondente 85%
– 1 cucchiaio abbondante farina 00
– marmellata di fragole e scorzette (presto la ricetta)
per la frolla:
– 200gr farina 00
– 100gr burro
– 80gr zucchero
– 2 tuorli

PREPARAZIONE:
Prepariamo prima di tutto la frolla, il metodo è quello che ho imparato da Lory, fate ammorbidire il burro e tagliatelo a tocchetti, unitelo alla farina e lavorate gli ingredienti fino a formare delle grosse briciole, a questo punto unite i due tuorli e lo zucchero e lavorate l’impasto fino a renderlo liscio ed omogeneo.
Stendete la pasta con il mattarello e disponetelo negli stampini da crostatine,create con un po’ di frolla una “barriera” che dividerà in due ogni tortina poi copritele con una pellicola e mettetele in freezer per mezz’ora.
Intanto scaldate il forno a 175 gradi e preparate la crema di cioccolato; fate fondere il cioccolato lindor e quello fondente a bagno maria, mescolate i due cioccolati e toglieteli dal fuoco, aggiungete un cucchiaio di farina setacciata e amalgamate bene con l’aiuto di una frusta.
Cuocete per dieci minuti le vostre crostatine poi toglietele e aggiungetevi in una metà la crema di cioccolato ottenuta, infornate per altri 10/15 minuti poi estraete e fate raffreddare su una griglia, unite nell’altra metà la marmellata.

Chiunque volesse fare questo Meme è invitato =) scusate la fretta ma ho molto da recuperare al lavoro!

Read Full Post »

Sabato ho voluto fare un dolce a cavallo tra il light e no ispirata da questo dolce di Lory e dalla parola “Syllabub” che da qualche mesetto leggo un po’ ovunque.
Non avevo mai sentito prima la parola e ignoravo cosa fosse fino a scoprire che non era che un semplice dolce composto, semplice si ma sicuramente molto gustoso.
Con qualche modifica, cercando di trasfomare questo dolce pannoso in qualcosa di più leggero ho provato a sostituire qualche strato di panna con dello yogurt bianco e devo dire che la prova riuscita è abbastanza bene.. Questa volta non sono stata tanto a guardare alla leggerezza, vedi panna e cioccolato bianco ma lo ritengo comunque il punto di partenza per elaborare qualche dolcetto fresco e più leggero per i prossimi giorni, c’è una dieta in programma e, con il caldo in arrivo.. (ieri è stata una splendida giornata !).
Sinceramente credo che il mio non sia un “syllabub” ma diciamo che l’idea di partenza era quella.. visivamente è molto piacevole e poi l’accoppiata fragole yogurt e fragole panna beh.. fatemelo dire .. è da brivido!
Semplice e buono come dice qualcuno.. e servito in un bicchiere diverso dal normale fa la sua scena!

INGREDIENTI (per due persone):
– 200gr. di fragole
– 5 cucc. di yogurt bianco
– 150gr. di panna fresca
– 2 cucc. di zucchero a velo
– 30gr. di cioccolato bianco
– 1 cucc. di latte

PREPARAZIONE:
Lavate accuratamente le fragole, tenetene da parte quattro della stessa dimensione e private del picciuolo il resto, poi tagliatele a metà e mettetele nel frullatore, aggiungete due cucchiai di zucchero a velo e riducete in salsa.
In un pentolino fate sciogliere il cioccolato bianco con il latte, una volta amalagamato il tutto unite allo yogurt e mescolate bene; io ho usato quello allo zucchero d’uva ma se trovate quello greco è mooolto meglio.
A parte montate la panna ben ferma.
Prendete due bicchieri trasparenti che siano carini, io ho usato quelli da cocktail e riempite a strati irregolari un po’ come volete voi, anche mischiando gli ingredienti; infine prendete le quattro fragole intere e incidetele per il lungo creandone dei ventagli.
Coprite con la pellicola alimentare e tenete in frigorifero per almeno due ore.

Read Full Post »


Eccoci qua.. di ritorno dalle feste..
ieri non avevo il tempo di stare a scribacchiare su tutt’altro, non che ora ne abbia molto.. ma ci provo!
Come sono andate le vostre feste e il vostro weekend lungo?!? Il mio benissimo, sopratutto perchè sono riuscita a fare la sorpresa alla Lucy e vederla restare a bocca aperta mi ha scaldato il cuore!
Se devo essere sincera non ho mangiato molto, mi sono limitata parecchio anche se tutto era buonissimo!
Antipastini vari con sott’oli e sottaceti caserecci di vari amici di mia zia (ho una specie di “nduia” di verdure che è la fine del mondo), ravioli di magro della mia mamy, polpettone della zia , capretto della mamy, torta di verdure (ottima) della cugina, carciofi e insalata.
I dolci non li ho mangiati, colomba e cioccolato, sono stata brava no?!??!
in compenso il giorno di Pasquetta ho bevuto mooooolto; quì c’era il palio del Recioto che si ripeterà il 13 aprile e se volete fare una gitarella dopo aver votato io ve lo consiglio.
Io e il mio bel fichingo abbiamo passato uno splendido pomeriggio con amici a passeggiare con il bicchiere al collo (da queste parti si fa così) e in mano un panino con la porchetta, la prossima volta devo provare il risotto al recioto.
Oramai siamo in primavera ed è tempo di piatti su per giù leggeri e così invece dei soliti dolci cioccolatosi che mi distruggono letteralmente lo stomaco mi do alla frutta!
Certo non è il momento delle fragole ma qualche giorno fa quando sono andata a fare la spesa non ho resistito.. il profumo inebriante delle fragole mi ha stregata, ero talmente ipnotizzata che se non mi fermavo un’attimo compravo la cassetta .. si e poi come le facevamo fuori in due?!?!
Si ma perchè sarde ? vi chiederete voi
No no non sono fragole provenienti dalla Sardegna,credo siano fragole della zona coltivate in serra ..
e allora perchè sarde?!
Perchè in frigo avevo ancora un goccio di mirto.. così poco che ne avrebbe deliziato solo uno di noi due così ci ho condito le fragole, invece del solito zucchero e limone, invece del solito zucchero e vino rosso ci ho messo il liquore e devo dire che si sposa meravigliosamente..

INGREDIENTI:
– 1 cestino di fragole
– 2 cucchiai di zucchero semolato
– 1 bicchierino di mirto rosso

PREPARAZIONE:
Nulla di più semplice e veloce, lavate le fragole e privatele del picciuolo, tagliatele grossolanamente a cubetti e mettetele in una ciotola capiente. Versatevi sopra due cucchiai di zucchero semolato, irrorate con il mirto e mescolate.
Lasciate a macerare per un paio d’ore rigirando di tanto in tanto.

Read Full Post »


chi si ricorda la pubblicità della famosa caramella degli anni ’80/’90 ? La “polo” .. ma che fine ha fatto?!?!
Beh cmq io non avevo mai fatto una “torta bucata” ovvero una ciambella anche se avevo lo stampo da anni.. ma l’idea della ciambella non mi ha mai ispirato piu di tanto,non so perchè… poi, visto che stiamo eliminando i biscotti dalla nostra colazione a favore di pane e marmellata ho pensato di fare un dolcetto alla frutta e l’idea della ciambella mi piaceva!
L’idea è nata mentre tornavo a casa dal supermercato, stressata dal caos trovato.. finalmente avevo tra le mani, anzi nel sacchetto dela spesa, i frutti di bosco surgelati, cercati tutto inverno per fare una crostata con crema e frutti.. beh finalmente erano li, nei freezer.. l’idea di fare la crostata slurposa con la crema pasticcera era tanta ma.. volevo provare qualcosa di nuovo e cosi è nato questo dolce non troppo dolcificato, perfetto per la mattina ma anche dopo cena con una pallina di gelato alla panna!

Torta bucata ai frutti di bosco e mele

INGREDIENTI (tortiera 24cm di diametro):
– 1 uova di papera
– 2 uova di gallina
– 220gr. di farina 00
– 110gr. burro
– 100gr. zucchero
– latte q.b.
– 1 bustina lievito vanigliato
– 1 mela
– 320gr. di frutti di bosco misti

PREPARAZIONE:
Accendete il forno a 180°.
Facciamo sciogliere il burro in un pentolino a fuoco basso poi lo lasciamo raffreddare per due o tre minuti, nel frattempo separiamo gli albumi dai tuorli e lavoriamo questi ultimi con lo zucchero aiutandoci con una frusta elettrica. Raffreddato leggermente il burro lo uniamo ai rossi d’uovo e amalgamiamo bene poi, poco per volta setacciamo la farina e il lievito e uniamo al composto di uova e zucchero.
A parte montiamo a neve ferma gli albumi.
Uniamo un po’ di latte alla crema fatta in precedenza per ammorbidire un po’ l’impasto e poi uniamo , senza smontarli, gli albumi. Infine uniamo all’impasto i frutti di bosco misti.
Tagliamo a fettine sottili una mela e teniamo da parte.
Imburriamo e infariniamo lo stampo da ciambella e aggiungiamo l’impasto. In superficie poi aggiungiamo, affondandole leggermente, le mele tagliate e inforniamo fino a cottura, almeno una ventina di minuti, poi fate la prova stuzzicadenti.

Una volta raffreddata cospargete la torta con zucchero a velo.

Read Full Post »

Cuore morbido

Passatemi la foto.. fatta in fretta per non freddre il dolce.. e sopratutto al buio della notte…
Ieri era S.Valentino ma più che per quel motivo io volevo festeggiare l’uscita dei singoli del capellone e contemporaneamente delle mie copertine!! (stiamo ancora aspettando che escano su i-tunes ma intanto sono già su Amazon e e-music).
Volevo preparare un dolcetto come si deve, qualcosa di nuovo, mai fatto e mi son ricordata di questo dolce letto tempo fa su Cookaround così sono andata a recuperarlo e .. eccolo qua!
Non ho modificatoniente della la ricetta se non la crema inglese.. prima volevo provarla così.. ora so cosa aggiungerei (la prossima volta magari!!).
Questo dolce ha la fortuna di essere semplice e veloce da fare; si cuoce in 10 minuti e va servito caldo.. appena sfornato.
E’ perfetto e , oserei dire, “godurioso” se non avessimo mangiato un mega filetto con tomino prima ce ne saremmo sparati due!
Veniamo a noi.. il dolce si presta a essere accompagnato da qualche salsina.. li veniva abbinato con crema inglese.. e crema inglese sia… ma aromatizzata all’arancia, una scoperta entusiasmante..
non avevo mai fatto prima la crema inglese.. devo ancora imparane dai fornelli!!!
Cmq visto che il cioccolato va a nozze con i lamponi e visto che li avevo trovati belli al supermercato ci ho aggiunto anche quelli, a parte..
Ommamma ho io la bavetta solo a descrivervi questo dolce.. lo farò sabato alla Lucy.. lei non è una di dolci ma questo è piccolo e… penso che le possa piacere!
Basta ciacolare (come di dice da queste bande) veniamo alla ricetta!

Preparate prima la crema inglese che avrà tutto il tempo di raffreddarsi.. Io l’ho preparata prima di cena.

CREMA INGLESE ALL’ARANCIA
Ingredienti:
– 1 cucch. scorza d’arancia
– 3 tuorli
– 250 ml latte
– 50 gr zucchero

Preparazione:
Grattuggiate la scorza di un’arancia, ne servirà circa 1 cucchiaio scarso ma fate voi a vostro gusto.
Mettete in un pentolino il latte, aggiungetevi la scorza e portate a ebollizione.
Contemporaneamente lavorate con una frusta i tuorli e lo zucchero fino a far diventare il composto biancastro e spumoso.
Una volta che il latte bolle toglietelo dal fuoco e versate a filo, continuando a girare, sulle uova (se volete potete filtrate le scorze, io le ho lasciate).
Una volta amalgamato il latte alle uova riportate sul fuoco e continuando a mescolare arrivate a una temperatura di 83° C (io ho fatto a occhio non avendo il termometro.. appena prima del bollore spegnete tutto).
A questo punto versate la crema in una bastardella messa a bagno in acqua e ghiaccio e continuate a mescolare per ottenere una crema fluida. Lasciate a raffreddare mescolando di tanto in tanto.

COULIS DI LAMPONI
Ingredienti:
– 1 vaschetta di lamponi freschi (lasciatene qualcuno per la decorazione)
– zucchero a velo vanigliato

Preparazione:
Frullate i lamponi e aggiungete a cucchiai lo zucchero a velo amalgamando bene, assaggiate e continuate ad aggiungere lo zucchero fino ad ottenere la dolcezza desiderata.
Io consiglio di tenerlo poco dolce per contrastare meglio il cioccolato.

CUORE MORBIDO AL CIOCCOLATO
Ingredienti (per 5 porzioni):
– 65gr. di cioccolato al 60%
– 65gr. di cioccolato all’ 80%
– 100gr. di burro
– 2 tuorli
– 2 uova
– 50gr. di zucchero
– 25gr. di farina
– cacao amaro
– 5 stampini usa e getta in alluminio (o formine che desiderate)

Preparazione:
Fate fondere a bagno maria il cioccolato e il burro; nel frattempo lavorate le uova con lo zucchero senza incorporare troppa aria.
Una volta che il cioccolato e il burro si saranno fusi mescolate bene per amalgamare i due ingredienti e poi versate il cioccolato a filo sul composto di uova e zucchero, amalgamate poco per volta. Infine unite la farina setacciata.
Prendete gli stampini, imburrateli e “infarinateli” con il cacao, versate quindi il composto fino a riempire 3/4 dello stampo.
Quando è il momento di mangiarli infornateli nel forno preriscaldato a 180° per 10 minuti.
Servite nel piatto con la crema inglese e la coulis di lamponi e .. affrettatevi a mangiarlo quando è caldo! Alla prima forchettata il cuore morbido colerà sulla crema inglese.

Se volete potete congelarli prima della cottura e cuocerli ancora da surgelati.

Read Full Post »

Older Posts »